Progetti in corso

RECUPERO FERROVIA CO-VA (Grandate -Malnate): Altri aggiornamenti 2011

ULTIMISSIME SULLA VECCHIA FERROVIA!!!!

- come è noto, lo scorso 23.06.2011 a Como presso la Villa Gallia (Provincia di Como) l'Ordine degli Architetti P.P.C. di Como con importanti patrocinii ha organizzato il Convegno Interprovinciale MOSLO MOBILITÀ SOSTENIBILE COME RISORSA E PATRIMONIO DI TUTTI - Riflessione sulla "Via Verde" pedemontana Como-Lecco-Varese. Iubilantes, che ha già al suo attivo tre importanti convegni sul tema del recupero della ex ferrovia Como-Varese come ciclovia, ha pienamente condiviso il progetto MOSLO mettendo a disposizione l'esperienza consolidata e la conoscenza puntuale del patrimonio comune rappresentato appunto dalla Grandate-Malnate. Dal convegno è emersa la proposta di un concorso di progettazione finalizzato a creare un "piano delle regole" applicabili, nello specifico, alla progettazione della futura greenway dell'ex ferrovia.

- In quella sede Iubilantes ha ripetuto a voce la notizia già data nella propria NL del 20 maggio e che qui vogliamo ripetere nei dettagli: la Giunta provinciale di Como ha approvato una delibera (delibera n. 63 del 10.03.2011) in cui, nel contesto di un provedimento di valorizzazione/vendita di alcuni beni immobili di proprietà provinciale, elenca i mappali dell'ex sedime ferroviario tra i beni alienabili mediante asta pubblica (Leggi la delibera);

- dopo la nostra comunicazione di cui sopra e su nostra specifica segnalazione del provvedimento, alcuni Comuni interessati (Olgiate Comasco, Solbiate, Villa Guardia) hanno inviato alla Giunta Provinciale richiesta di espunzione dei mappali da detto elenco;

- Iubilantes ha rafforzato la richiesta inviando a propria volta istanza di espunzione, motivando dettagliatamente la richiesta e concludendo con la considerazione secondo cui, alla luce di quanto esposto, la migliore valorizzazione dei beni dichiarati cedibili non potrà venire dalla loro vendita ma dal mantenimento del titolo di proprietà da parte della Provincia che non potrà che trarre concreti vantaggi, anche economici, dal previsto riuso ciclopedonale del sedime stesso (leggi l'istanza);

- alle lettere è seguito, sulla stampa locale, un articolo in cui l'assessore provinciale Mina dichiara la precisa volontà di ritiro della delibera e del sostegno al progetto di greenway della vecchia ferrovia (leggi l'articolo).

- confidiamo che l'esito delle due istanze sia davvero quello dichiarato nell'articolo; lo speriamo davvero per una autentica valorizzazione del nostro territorio, delle sue memorie e delle sue risorse, nonché per il futuro della mobilità sostenibile nella nostra provincia.

- Aggiungiamo che, nel frattempo, il nostro impegno si è ulteriormente articolato anche in altri modi e forme. Eccoli.

  • Intervento nell'ambito del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP). In data 29 giugno, infatti, abbiamo spedito alla Provincia un documento di contributo al primo Rapporto di monitoraggio del PTCP , nel quale abbiamo ribadito l'improrogabile necessità di inserire nell'ambito delle "linee Guida" finalizzate alla predisposizione di una variante al P.T.C.P. il recupero e la valorizzazione, come corridoio - strada verde - pista ciclopedonale, dell'intera tratta dismessa della ferrovia Grandate - Malnate (leggi il documento) Questi contributi vengono presentati e discussi il 25 luglio dalla Commissione Territorio della Provincia di Como. Vi terremo aggiornati anche su questo.
  • Per il prossimo anno scolastico, progettazione di nuovi interventi educativi nelle scuole primarie dedicati alla vecchia ferrovia, da realizzarsi a cura del CREA della Provincia di Como, che ringraziamo vivamente della grande attenzione e disponibilità;
  • Un progetto di manutenzione del verde del vecchio sedime da realizzarsi in accordo con gli Enti proprietari del sedime (FNM e Provincia) nell'ambito delle recenti disposizioni regionali che consentono e favoriscono l'affido della manutenzione del verde alle imprese agricole locali.
  • È a questo punto fondamentale non solo attivarsi perché, nel caso di Albiolo, venga previsto un intervento di compensazione ambientale per soddisfare le esigenze di una mobilità sostenibile e dolce, previste dalle leggi e normative vigenti a riguardo, ma anche trovare nuove strategie di difesa del sedime da una vendita parcellizzata, stimolando i Comuni all'acquisto "in blocco" e all'impegno al mantenimento del percorso ciclopedonale. Sarà questo forse il caso, si spera, di Olgiate Comasco.

Concludiamo con un ringraziamento e con una esortazione.

  • Il nostro GRAZIE ad Albano Marcarini, Presidente di Co.Mo.Do., per l'impulso e il sostegno dato da sempre al nostro progetto di fare della ex ferrovia una greenway ciclopedonale, e per la sua presenza al convegno del 23.06
  • Alcuni Comuni hanno da tempo espresso volontà di condividere il protocollo di intesa del 2005, stipulato con noi da 6 comuni della vecchia ferrovia. (leggi il protocollo del 2005). A fine 2011 Comune di Solbiate ha aderito al protocollo.


In questa sezione:

Pagina: 1 2